Design Talks

Martí Guixé

Martí Guixé

In questa conferenza tenuta in SPD, Cristina Morozzi presenta Martí Guixé, ex studente della scuola, ricordando la sua prima mostra del 1996 sul finger food, nell’ambito della Primavera del Disseny di Barcellona. Per quanto confuso sulle definizioni di campo – designer o ex-designer come amava definirsi – da subito Guixé aveva una visione chiara del futuro: produrre idee e concetti che potessero avere uno sfruttamento commerciale. Il ruolo del designer in una società post-industriale è infrangere le regole e attraversare i confini tra le discipline, dichiara. In questa prospettiva si inquadra la sua provocazione iniziale: “In tutta la mia vita potrò acquistare magari un paio di sedie mentre mangerò almeno tre volte ogni giorno”. Quindi, mentre molti colleghi si affannavano a produrre ancora una nuova sedia, Guixe era convinto che la più promettente area di progettazione fosse quella legata al cibo. Confessa però di non essere affatto interessato alla cucina. “Sono interessato solo al cibo perché lo considero un prodotto di consumo di massa e mi piace l’idea di un prodotto fatto per scomparire e ritornare trasformato in energia”.