News

SPD VINCE IL PRIMO PREMIO SMAU INDUSTRIAL DESIGN

SPD VINCE IL PRIMO PREMIO SMAU INDUSTRIAL DESIGN

A Fanny Manderscheid la Targa Rodolfo Bonetto 2002

La scuola milanese premiata per il progetto Personal Viewer, sviluppato in collaborazione con Microsoft Italia, che esplora nuovi stili di utilizzo per i PC del futuro.

Vai al filmato di corriere.it

Sofisticato e semplice come un quaderno, ricco di tecnologia e insieme rassicurante come una matita. Questo è il PC del futuro secondo la Giuria del 35° Premio SMAU Industrial Design Targa Bonetto. Il riconoscimento è stato assegnato sabato 26 ottobre a Scuola Politecnica di Design per un articolato lavoro sviluppato in collaborazione con Microsoft Italia.

Il concept che si è aggiudicato il primo premio è Le Cahier di Fanny Manderscheid, giovane designer francese che ha da poco terminato il master SPD in Industrial Design. Le Cahier è un concentrato di tecnologia wireless in uno strumento dall’anima antica. Il progetto vive di contraddizioni solo apparenti tra le prestazioni avanzatissime e un’estrema usabilità. Si presenta come un normale quaderno a spirale; le sue copertine e i fogli interno contengono tutto l’hardware, lo schermo, un writing pad e una tastiera estraibile in materiale siliconico traslucido. Le Cahier mantiene il contatto gradevole e intimo con la carta. La penna elettronica permette di scrivere sia sul touch screen sia sulle pagine di carta inserite nel quaderno.

Sui fogli o su comuni post it la scrittura a mano è digitalizzata dal writing pad sottostante; il messaggio può essere salvato come bitmap o convertito in formato testo. Le Cahier è poi integrabile con un sistema e-paper. La matita con gomma cancella sia sulla carta che sullo schermo. File ed errori vengono eliminati con un gesto familiare. Il design di Le Cahier gioca con la citazione dei più classici strumenti dell’informatica. Ruotando le pagine attorno alla spirale l’utente ottiene un normale portatile o, estraendo la tastiera, un computer da tavolo. Ancora una volta il concept proposto si adatta alle abitudini e alla cultura delle persone.

La giuria del premio, composta da Roberto Bonetto, Roberto Dadda, Denis Santachiara e altri autorevoli esponenti del mondo del design e dell’ICT, ha premiato così un progetto centrato sull’utente: adatto a coloro che hanno ancora poca dimestichezza con l’ICT ma anche a tutti i consumatori che scelgono consapevolmente sistemi sempre più immediati, usabili, efficaci.

Le Cahier è esposto all’interno delIo stand Microsoft – padiglione 22 – insieme ai lavori realizzati nell’ambito del progetto Personal Viewer.

per informazioni

Rita Preatoni
preatoni@scuoladesign.com
02 2576551

Cinzia Pavesi
pavesi@scuoladesign.com
02 2576551

in collaborazione con Microsoft

  • uno
  • due