News

True Stories. Design in quattro atti al salone 2010

True Stories. Design in quattro atti al salone 2010

I progetti degli studenti  dei Master in mostra presso la sede SPD in via Ventura, nell’area più sperimentale del fuoriSalone milanese.

True Stories è design in quattro atti pensato dagli studenti internazionali dei Master della Scuola Politecnica di Design. La mostra che va in scena in SPD durante la Design Week milanese 14-18 aprile dalle 10 alle 20, si snoda attraverso quattro scenari che corrispondono ad altrettante storie:

The Light Orchestra: una spettacolare orchestra di luci, suoni e colori

Sunday at the Race: un ottovolante che mette in fila le nuove supercar Lamborghini disegnate dai transportation designer

Remastered in Colour: uno studio di registrazione per l’interpretazione grafica di 20 pezzi di musica classica

Waiting for a guest: un ambiente di sapore domestico per cinque prototipi che hanno in comune l’elemento sorpresa

Opening 14 aprile dalle 19 alle 23 con live performance di anyBetterPlace

Progetti in mostra

The Light Orchestra

Daniel Simonini con Lorenzo Marini e Fernando Gonzales Sandino, Master in Industrial Design. Supervision: Huub Ubbens.

Light Orchestra è musica per gli occhi. L’installazione associa il suono a una sfera sensoriale diversa dall’udito, fatta di luce e colore. Al centro della scena un imponente strumento, moderna rivisitazione di un pianoforte con 12 tasti colorati che controllano 12 sorgenti LED. Il visitatore interagisce creando scenografie che disegnano lo spazio con la tavolozza cromatica della luce e del suono. Il pianoforte, la cui forma è modellata su un tracciato di onde sonore, associa colori e suoni sovrapponendo il cerchio di Goethe – che esprime la relazione tra 12 colori – e il cerchio delle quinte che rappresenta il rapporto tra le 12 note della scala cromatica. Light Orchestra ha partecipato al Festival della Luce LED debuttando nel dicembre 2009 alle Colonne di San Lorenzo. È stata votata come migliore installazione nella sezione scuole ottenendo anche il secondo posto assoluto. Il nuovo episodio, Light Orchestra Volume 2, si sposta in una moderna cattedrale postindustriale, la ex fabbrica Faema.Realizzazione: LED Contest con il supporto di APG Group (Milano, dicembre 2009)

Sunday at the race

Stefan Barac, Bostami Bin Ahmad, Daniel Chinchilla, Weiloon Choo, Dario Dropucic, Tugra Erol, Alberto Fernández Albilares, Viktar Filipchanca, Vincenzo Franchino, David Hernández Bautista, Joseph Kfoury, Berkhan Koçgazi, Mauro Lecchi, Nicola Mondini, Sebastián Negrete, Tad Orlowski, Dmitrii Panov, Nelson Simões, Carl Soares, Wojciech Tuleja, Sergey Velet, Alex Velet, Ori Yemini, Master in Transportation  Design. Supervisione: Filippo Perini, Alessandro Maccolini.

 

Una pista, un enorme circuito polistil per undici sports car estreme, pronte alla sfida in un’immaginaria domenica alle corse. È il set scelto da Diego Grandi per presentare il lavoro del dipartimento di Transportation Design. I modelli in scala 1:4 sono stati realizzati dagli studenti sotto la supervisione di Filippo Perini, responsabile del design per il marchio del toro. Lamborghini Next, il nome del progetto in collaborazione con la casa di Sant’Agata Bolognese, esplora nuovi linguaggi per un marchio icona dell’italianità: nuove architetture, volumi morbidi o più aggressivi, in continuità con lo stile Lambo. Giocattoli hi-tech per individui che cercano ancora nella velocità e nella competizione nuovi spazi di trasgressione.

In collaborazione con Lamborghini

 

Remastered in colour

Onofrio Magro, Sara Makki, Valeria Panizza,. Supervisione: Daniele Barbiero e anyBetterPlaceVedere la musica, disegnare melodie. Il progetto è nell’invenzione di un codice che ricalca fedelmente la struttura della composizione. Un alfabeto di forme immediate e universalmente riconoscibili, simboli che cambiano forma, colore e dimensione in base alla famiglia di strumenti attiva, al suono, alla sua durata e tonalità. I segni sono sovrapposti permettendo di seguire il ritmo su uno stesso rigo e sentire il fluire della melodia con gli occhi. L’esperimento attinge alle esperienze degli anni Sessanta e Settanta virando verso la strada della sinestesia puntuale più che verso quella dell’impressione. Si propone come una traduzione visiva piuttosto che come un sistema alternativo di scrittura musicale. Il risultato è visibile in 20 poster che danno qualità grafica a pezzi classici scelti dal repertorio della sinfonica, dell’opera, della musica sacra e da camera. Due opere – il primo movimento del Concerto per Violino e Orchestra di Beethoven e del Concerto per Corno n. 1 di Mozart – sono presentate attraverso un‘animazione in sincrono con la musica.

In collaborazione con EMI Classics

 

Waiting for a guest: Slim Chips

Júlíusson Hafsteinn, Master in Industrial e Interior Design

Mangiare niente, senza rimorsi. Slim Chips è un esperimento intorno a tipologie alternative di cibo. Il consumo di junk food è associato molto spesso – più che all’impulso della fame – all’abitudine e a rituali sociali che spezzano il corso di giornate noiose. La materia prima è carta commestibile, totalmente priva di valore nutrizionale, aromatizzata con ingredienti di provenienza organica. Non ingrassa. È come mangiare aria, disponibile al gusto di menta, mirtillo o patata dolce.

Produzione: HAF

Waiting for a guest: Ride it to light

Júlíusson Hafsteinn, Ignacio Ojanguren Alvarez, Christina Perdikaki, Master in Industrial Design. Supervisione: Huub Ubbens

Ride it to light è un kit per trasformare una normale bicicletta in una macchina per produrre energia dimostrando che si può creare luce in modo semplice e con tecnologia accessibile. Ride it to light contribuisce a promuovere una consapevolezza personale verso sfide globali. Lo fa in modo utile e divertente spostando l’attenzione dal consumo passivo alle infinite possibilità dell’autoproduzione creativa.

Realizzazione: LED Contest (Milano, dicembre 2010)

 

Waiting for a guest: Bootleg

Isaac Piñeiro, Master in Industrial Design. Supervisione: Nadadora

L’ispirazione è nel nome. Il bootleg è una registrazione rudimentale che viene diffusa e condivisa tra gli appassionati con esiti spesso molto diversi dalle release ufficiali. Il progetto Bootleg ricicla vecchi stampi non più in uso, ritrovati nelle aziende che producono vasi in ceramica intorno a Valencia, in Spagna. E li combina in nuovi vasi seguendo una logica simile a un mix musicale per regalare ad antichi oggetti industriali una seconda vita.

Produzione: Sagenceramics

 

Waiting for a guest: Corolla

Isaac Piñeiro, Alessandro Stabile, Master in Industrial Design. Supervisione: Odoardo Fioravanti

Un gesto semplice per gustare Nutella e frutta. Un solo gesto basta per avvitare il piatto “plug&tray” al vaso da 750 grammi creando nuovi riti di consumo condiviso per uno dei prodotti italiani più popolari al mondo. Corolla porta Nutella al centro della tavola e dà il via a una colazione leggera, a una merenda estiva, a un dopocena più divertente con gli amici. Realizzato e distribuito nei negozi nel 2010.

In collaborazione con Ferrero (primo premio concorso Nutella and Fruit)

Mr Hyde

Pablo Crespo Pita, Martin Franzén, Isaac Piñeiro, Master in Industrial Design. Supervisione: DeepDesign

Sorpresa. Mr. Hyde si illumina e svela icone del design di tutti i tempi che affiorano leggere sulla superficie essenziale del divano. Il confronto con le icone del passato è reinventato attraverso l’uso di materiali e tecnologie accessibili. Il concept della collezione, composta da divani e poltrone di diverse dimensioni, incorpora l’immagine dei più celebri pezzi di design come il classico Chesterfield. Selezionato ed esposto al Triennale Design Museum per la seconda edizione Serie e Fuoriserie.

In collaborazione con Serralunga

 

Concept True Stories a cura dei docenti

Diego Grandi e jekyll&hyde.

  • True Stories
  • The Light Orchestra
  • The Light Orchestra, dettaglio
  • Remastered in colour
  • Remastered in colours, legenda
  • Remastered in colour, spartito
  • Sunday at the race
  • Sunday at the race, dettagli
  • Sunday at the race
  • Waiting for a guest
  • Corolla, accessorio per Nutella
  • Corolla, accessorio per Nutella
  • Ride it to light
  • Slim chips
  • Bootleg